RSS Feed

Tag Archives: Percy Bysshe Shelley

The Emerald Isle at the Pisa Book Festival

Posted on

To enter into the spirit of this post / Per entrare nello spirito del post: Damien Rice, The Blower’s Daughter

pisa-photo-1

 

Back again in Tuscany with the Pisa Book Festival, a fair that promotes independent publishing houses with 160 stands from all over Italy and with more than 200 events. Now in its 14th edition, it will be held at the Palazzo dei Congressi in Pisa from November 11-13. It brings together editors, publishers, authors, journalists, translators and readers who will discuss literary production in Italy and the rest of the world during seminars, meetings and presentations. Ireland is the guest of honor.

The city on the Arno river never stops to fascinate intellectuals and people who are interested in its everlasting charm of art and beauty.  Percy Shelley wrote: “Our roots were never struck so deeply as at Pisa.” He considered it the perfect place to settle and base the Pisan Circle, a group of British expatriates that counted among its members the same Shelley, his wife Mary, George Byron, Thomas Medwin, Leigh Hunt and Edward Trelawny.

For the full article, that I wrote in English for the Italian daily newspaper, La Repubblica, clic here.

pisa-photo-2

Ritorna in Toscana il Pisa Book Festival, un salone nazionale del libro dedicato alle case editrici indipendenti italiane con 160 editori espositori e più di 200 eventi. Giunto alla 14esima edizione, è ospitato nel Palazzo dei Congressi di Pisa dall’11 al 13 Novembre 2016.

Ogni anno editori, scrittori, giornalisti, traduttori e lettori si riuniscono per discutere della produzione letteraria italiana e straniera nel corso di seminari, incontri, presentazioni. L’Irlanda è il paese ospite di questa edizione.

La città sull’Arno continua ad affascinare gli intellettuali e coloro che sono interessati al fascino eterno dell’arte e della bellezza. Percy Shelley scrisse: “Le nostre radici non sono mai state così profonde come a Pisa.” Lo scrittore la considerò perfetta per farne la sua dimora e fondarvi il Circolo Pisano, formato da un gruppo di cittadini britannici in Italia, che annoverava tra i suoi membri, oltre allo stesso Shelley, la moglie Mary, George Byron, Thomas Medwin, Leigh Hunt ed Edward Trelawny.

Per l’articolo completo, che ho scritto in inglese per La Repubblica, cliccate qui.

Discussing books under the Leaning Tower

Posted on

book and flower

pisa

To enter into the spirit of this post/ Per entrare nello spirito di questo post: Music for reading.

If you love the world of books, you cannot miss the Pisa Book Festival, an independent publisher fair from Nov. 6-8. This year English will be the most spoken languange at the stands because Scotland with its prestigious literary tradition will be the guest of honour. The fair will set in Pisa.

Pisa is a fitting environment for such an event.  It was “the city of silence” of Virginia Woolf that inspired her book Flush, the novel based on the life of the poetess Elizabeth Barret Browning.  Woolf followed in the footsteps of Percy Bysshe Shelley who lived upon the banks of the Arno with his wife Mary, the author of Frankenstein, while Lord Bryon composed Don Juan in Palazzo Lanfranchi.  Not far away is the Gulf of Poets, immortalized in the paintings of the J.M. William Turner and a favorite with various other artists such as D.H. Lawrence, George Sand, Gabriele D’Annunzio and Filippo Tommaso Marinetti.

For the full article, that I wrote for the Italian daily newspaper, La Repubblica, clic here.

And remember…book, don’t miss!

Se amate il mondo dei libri, non potete mancare al Pisa Book Festival, la fiera dell’editoria indipendente in programma da venerdì 6 a domenica 8 novembre al Palazzo dei Congressi di Pisa. Quest’anno l’inglese sarà la lingua più parlata tra i padiglioni, considerando che la Scozia, con la sua prestigiosa tradizione letteraria, sarà l’ospite d’onore di questa edizione.

Non dimentichiamo che Pisa è il luogo ideale per questo genere di eventi. Fu “la città del silenzio” di Virginia Woolf, che vi trovò l’ispirazione per scrivere Flush, il romanzo sulla vita della poetessa Elizabeth Barret Browning. La Woolf seguì le orme di Percy Bysshe Shelley che soggiornò sulle rive dell’Arno con la moglie Mary, l’autrice di Frankenstein, quando Lord Byron lavorava al Don Juan a Palazzo Lanfranchi. Non lontano si estende il Golfo dei Poeti, immortalato nei dipinti del paesaggista inglese J. M. William Turner, luogo amato dallo scrittore D.H. Lawrence, dall’artista George Sand e dai poeti italiani Gabriele D’annunzio e Filippo Tommaso Marinetti.

Per l’articolo completo, che ho scritto per La Repubblica, cliccate qui.