RSS Feed

Tag Archives: Edison Bookstore

Brothers in culture

Posted on

Sometimes a dream comes true. Although this dream has got an expiration date.
Do you remember my old post about Edison, the florentine bookstore in Piazza della Repubblica, closed last Fall?
There will be a restaurant in its place, another food trap for tourists, like the hundreds that already are at every corner of the historical center.
When I pass by its shuttered windows, I can’t keep myself from sighing. I can’t count how many hours I spent there, browsing books and sipping cappucinos, far from the crowds of tourist who pour
down the streets everyday.
Until something changed: from 12th of July until 15th of September 2013, there will be a temporary Edison, called “La piazza dei libri” in the same location, where writers will come and talk about their works in
a huge gazebo, with a reading area and shelves full of books ready for sale.
The former sales assistants and two florentine publishers: Mandragora and Edizioni Clichy, get the credit for that.
I went to the opening and I met many other readaholics like me. Everyone was touched. It’s a big satisfaction having back a place where you can feed your soul instead another place where you just feed your stomach.
If only our political leaders would realize that inspired people make a difference in this world…

A volte un sogno si avvera. Benchè, come in questo caso, è un sogno con una data di scadenza.
Ricordate un mio vecchio post su Edison, la libreria fiorentina di Piazza della Repubblica, chiusa lo scorso autunno?
Al suo posto sarà aperto un ristorante, probabilmente una nuova trappola per turisti, come quelle che a centinaia già infestano il centro storico.
Mi capita spesso di passare davanti alle vetrine ormai chiuse e non posso trattenere un sospiro ripensando alle ore trascorse lì a sfogliare libri, beatamente lontana dalle folle di visitatori
che assediano quotidianamente le strade cittadine.
Fino a quando qualcosa è cambiato: dal 12 luglio al 15 settembre 2013, ci sarà “La piazza dei libri”, una sorta di Edison estivo, che ha preso vita di fronte alla vecchia sede della libreria.

In un grande e fresco gazebo bianco, con una comoda area di lettura e scaffali pieni di libri in vendita, saranno ospitati una serie di interessanti incontri culturali per tutta l’estate.
L’iniziativa è frutto dell’impegno degli ex-dipendenti Edison e di due case editrici fiorentine: Mandragora ed Edizioni Clichy, che si sono attivate per rendere possibile ciò che fino a poco fa sembrava irrealizzabile.
All’inaugurazione ho incontrato tanti maniaci dei libri come me. Eravamo un po’ tutti commossi: troppo grande era la soddisfazione di riavere indietro la nostra vecchia Edison,
un posto che nutre lo spirito e non solo lo stomaco.
Se soltanto chi ci governa capisse che, a questo mondo, è l’essere ispirati che fa la differenza…

20130712_200833(1)

20130712_200600

20130712_200636

Advertisements

Wherever I lay my book, that’s my home

Posted on

Once upon a time there was a beautiful bookstore, right in the center of Florence, where people liked to spend their time.
There were four floors where books were stored, a nice cafè-restaurant with comfortable coachs and a section with books from every part of the world.
Every important writer considered that place a no-miss in promoting his book.
And sometimes there were concerts and you could meet famous musicians.
Its name was Edison, in Piazza della Repubblica, and there wasn’t any florentine or tourist who failed to visit it when he was in the city.
Long time ago there was a girl who was inspired to write her first story there, after hours spent browsing tons of volumes, sat at one of its tables, while sipping a cappuccino.
She will always remember to have been happy there, even if Edison closed last November.
The reason why it happened is not important. Maybe for a contract of renting that came to an end or for some economical questions that were never solved. But who cares?
The fact is that someone decided to kill a temple of culture and, although so many people fought for having it back, they failed.
If you want to know more about this story, visit the link http://www.facebook.com/pages/Librai-Edison-Firenze/210214989054572?fref=ts

C’era una volta un bellissimo posto, proprio al centro di Firenze, dove le persone amavano trascorrere le loro giornate.
C’erano quattro piani dove i libri erano esposti, un bel caffè ristorante con comodi divani e una sezione dedicata alle pubblicazioni provenienti da tutto il mondo.
Ogni scrittore importante lo considerava una tappa imprescindibile durante il tour promozionale delle sue opere.
Qualche volta c’erano anche concerti ed era facile incontrare musicisti di fama.
Il suo nome era Edison, in Piazza della Repubblica, e non c’era fiorentino o turista che non vi si imbattesse, quando si trovava in città.
Molto tempo fa c’era una ragazza che ebbe l’ispirazione di scrivere la sua prima storia tra quelle mura, dopo ore spese a sfogliare decine di volumi sorseggiando un cappuccino, seduta a uno dei tavoli.
Lei si ricorderà sempre di essere stata felice lì, anche se Edison ha chiuso lo scorso novembre.
Non è importante perchè sia successo. Forse per un contratto d’affitto che scadeva o forse per questioni economiche mai risolte. Ma a chi interessa? Il punto è che qualcuno ha deciso di uccidere un tempio della cultura e, sebbene tante persone abbiano lottato per impedirlo, ci è riuscito comunque.
Se vuoi sapere di più su questa vicenda, visita il link http://www.facebook.com/pages/Librai-Edison-Firenze/210214989054572?fref=ts

edison

edison sì

edison 3

edison 2