RSS Feed

Tag Archives: Books

The Emerald Isle at the Pisa Book Festival

Posted on

To enter into the spirit of this post / Per entrare nello spirito del post: Damien Rice, The Blower’s Daughter

pisa-photo-1

 

Back again in Tuscany with the Pisa Book Festival, a fair that promotes independent publishing houses with 160 stands from all over Italy and with more than 200 events. Now in its 14th edition, it will be held at the Palazzo dei Congressi in Pisa from November 11-13. It brings together editors, publishers, authors, journalists, translators and readers who will discuss literary production in Italy and the rest of the world during seminars, meetings and presentations. Ireland is the guest of honor.

The city on the Arno river never stops to fascinate intellectuals and people who are interested in its everlasting charm of art and beauty.  Percy Shelley wrote: “Our roots were never struck so deeply as at Pisa.” He considered it the perfect place to settle and base the Pisan Circle, a group of British expatriates that counted among its members the same Shelley, his wife Mary, George Byron, Thomas Medwin, Leigh Hunt and Edward Trelawny.

For the full article, that I wrote in English for the Italian daily newspaper, La Repubblica, clic here.

pisa-photo-2

Ritorna in Toscana il Pisa Book Festival, un salone nazionale del libro dedicato alle case editrici indipendenti italiane con 160 editori espositori e più di 200 eventi. Giunto alla 14esima edizione, è ospitato nel Palazzo dei Congressi di Pisa dall’11 al 13 Novembre 2016.

Ogni anno editori, scrittori, giornalisti, traduttori e lettori si riuniscono per discutere della produzione letteraria italiana e straniera nel corso di seminari, incontri, presentazioni. L’Irlanda è il paese ospite di questa edizione.

La città sull’Arno continua ad affascinare gli intellettuali e coloro che sono interessati al fascino eterno dell’arte e della bellezza. Percy Shelley scrisse: “Le nostre radici non sono mai state così profonde come a Pisa.” Lo scrittore la considerò perfetta per farne la sua dimora e fondarvi il Circolo Pisano, formato da un gruppo di cittadini britannici in Italia, che annoverava tra i suoi membri, oltre allo stesso Shelley, la moglie Mary, George Byron, Thomas Medwin, Leigh Hunt ed Edward Trelawny.

Per l’articolo completo, che ho scritto in inglese per La Repubblica, cliccate qui.

Advertisements

Web interview 3

Posted on

An interview by Italian group of booklovers “Sognatori Erranti”about my daily inspirations and my passions for “Fashion Drops” blog by Sara Ferrantini.

Un’intervista del gruppo letterario “Sognatori Erranti” sulle mie fonti di ispirazione e le mie passioni per il blog “Fashion Drops” di Sara Ferrantini.

https://fashiondropsara.wordpress.com/2016/05/19/interviste-dei-sognatori-erranti-celeste-giampietro-collins/

foto Head

Juno borrowing the girdle of Venus, Giunone riceve la cintura di Venere, Guy Head, oil on canvas, olio su tela, 1771

Web interview!

Posted on

An interview by Italian writer Francesco Grimandi about me and my writing career for his website “Autori sul web”.

Un’intervista per conoscere i miei interessi e la mia attività di scrittrice sul sito “Autori sul web” da parte dello scrittore Francesco Grimandi.

http://autorisulweb.blogspot.it/2016/02/intervista-celeste-giampietro-collins.html

CollinsDEEesec (1)

Men prefer BIG DREAMERS!

Posted on

Per entrare nello spirito di questo post/  To enter into the spirit of this post: Eurythmics, Sweet Dreams.

La sera del 31 dicembre 2014 ero a casa. Era stato uno di quegli anni un po’ così, in cui i ricordi belli, come la nascita di mia figlia, erano offuscati dal pensiero che ci fosse ancora tanto da fare nella mia vita. C’era la neve fuori e ricordo che a ogni fiocco che cadeva la sensazione di amarezza cresceva, come se tutto il bianco che mi circondava, con la sua splendente bellezza, ingigantisse il buio che avevo dentro. Non vedevo vie di fuga da un lavoro in un sistema scolastico piombato nel caos, da una routine familiare impegnativa, dalle mille incombenze quotidiane che ti portano a dormire la sera di un sonno più estenuante della giornata che l’ha preceduto. Ma in tanta oscurità c’era una piccola luce che non si è mai spenta. C’era il mio sogno coltivato da sempre, quando sola davanti a uno schermo intrecciavo storie che nascevano dalla mia fantasia. Erano commedie, con personaggi spumeggianti che si scambiavano battute divertenti e vivevano le loro vicende con la leggerezza che forse non avrò mai. Erano la parte gioiosa di me e mi davano la vita che io mi illudevo di dar loro con i tasti del computer.

I miei personaggi ora sono pronti a spiccare il volo nel mio romanzo “Gli uomini preferiscono le dee”, edito nella collana YouFeel di Rizzoli. Grazie di cuore a tutti coloro che mi hanno sostenuta e ad Alessandra Bazardi, una donna fantastica e intelligente che ha creduto in me e ha fatto diventare il mio sogno realtà. Possa essere il vostro 2016 pieno di ispirazione, felicità e letture gioiose!

Last year, I spent the night of New Year’s Eve at home. There was the snow outside and I thought that 2014, the year of my daughter’s birth, had been a good year, but… How many things were left undone in my life! There was an unsatisfying school job, a family life packed of tasks and sleepless nights. There was a dream too. When all by myself I made up stories in front of my pc. They were always comedies with characters who lived colorful lives and found the happy endings that I have never been able to believe in completely. I gave them life with the letters of my keyboard, but in reality they gave me the energy to keep going.

Now my characters are ready to go out into the world in my Italian novel “Men prefer goddesses”, by Rizzoli. I want to thank all of the people who supported me, with a special thanks to Alessandra Bazardi, the great and intelligent woman who believed in me and made my dream come true. May your 2016 be full of inspiration, happiness and joyful readings!

CollinsDEEesec (1)

Read the rest of this entry

Discussing books under the Leaning Tower

Posted on

book and flower

pisa

To enter into the spirit of this post/ Per entrare nello spirito di questo post: Music for reading.

If you love the world of books, you cannot miss the Pisa Book Festival, an independent publisher fair from Nov. 6-8. This year English will be the most spoken languange at the stands because Scotland with its prestigious literary tradition will be the guest of honour. The fair will set in Pisa.

Pisa is a fitting environment for such an event.  It was “the city of silence” of Virginia Woolf that inspired her book Flush, the novel based on the life of the poetess Elizabeth Barret Browning.  Woolf followed in the footsteps of Percy Bysshe Shelley who lived upon the banks of the Arno with his wife Mary, the author of Frankenstein, while Lord Bryon composed Don Juan in Palazzo Lanfranchi.  Not far away is the Gulf of Poets, immortalized in the paintings of the J.M. William Turner and a favorite with various other artists such as D.H. Lawrence, George Sand, Gabriele D’Annunzio and Filippo Tommaso Marinetti.

For the full article, that I wrote for the Italian daily newspaper, La Repubblica, clic here.

And remember…book, don’t miss!

Se amate il mondo dei libri, non potete mancare al Pisa Book Festival, la fiera dell’editoria indipendente in programma da venerdì 6 a domenica 8 novembre al Palazzo dei Congressi di Pisa. Quest’anno l’inglese sarà la lingua più parlata tra i padiglioni, considerando che la Scozia, con la sua prestigiosa tradizione letteraria, sarà l’ospite d’onore di questa edizione.

Non dimentichiamo che Pisa è il luogo ideale per questo genere di eventi. Fu “la città del silenzio” di Virginia Woolf, che vi trovò l’ispirazione per scrivere Flush, il romanzo sulla vita della poetessa Elizabeth Barret Browning. La Woolf seguì le orme di Percy Bysshe Shelley che soggiornò sulle rive dell’Arno con la moglie Mary, l’autrice di Frankenstein, quando Lord Byron lavorava al Don Juan a Palazzo Lanfranchi. Non lontano si estende il Golfo dei Poeti, immortalato nei dipinti del paesaggista inglese J. M. William Turner, luogo amato dallo scrittore D.H. Lawrence, dall’artista George Sand e dai poeti italiani Gabriele D’annunzio e Filippo Tommaso Marinetti.

Per l’articolo completo, che ho scritto per La Repubblica, cliccate qui.

Siren n. 5

Posted on

To enter into the spirit of this post/ Per entrare nello spirito di questo post: Texas, Summer Son.

If you think like me (I know that you really do) and you live in my same hemishere of mine, this is the time
of the year when you start thinking about going to the beach. After many stormy months, you want to shed your
dull skin and become a watery creature who can absolutely be at ease close to the waves.
Here is my recipe to feel more like a siren and less like a lizard now, before you first touch the sand
after the long cold winter.
1) Surround yourself with something that comes from the beach: a few shells or a couple of starfish can work.
2) Spray your wrists with a summery fragrance. My most favorite ever is Fire Island Bond No. 9.
If you are on a budget, just smooth your body with coconut oil or a fragranced suncream.
3) Have a bath in warm water filled with salt taken from the Dead Sea or just seaweed and iodized salt.
It is good for your skin and pretty relaxing for your mind.
4) Enjoy a novel that speaks about relaxing and lazyness lying on the beach. My advice is reading a good
classic such as Tender is the night by F. Scott Fitzgerald or Evil under the sun by Agatha Christie.
Remember that Summer (like a tons of things) is a state of mind, so even if you are locked in the most ugly
office and your holiday are not signed yet on your calendar, paying attention to the details of your life
can uplift your way of thinking.
As Tonya Leigh, the founder of French Kiss Life Movement and whom I consider my mentor in how to
enjoy every single day of my life, always says: Change your external world for changing your internal world.

Se la pensate come me (e lo so che lo fate) e soprattutto se vivete nel mio stesso emisfero, questo è
il periodo dell’anno in cui iniziamo a sognare le nostre prossime vacanze al mare. Dopo tanti mesi tempestosi
e freddi, vorremmo abbandonare la nostra vecchia pelle e trasformarci in creature marine assolutamente a
proprio agio tra le onde.
Questa è la mia ricetta per sentirsi un po’ più sirene e meno lucertole, ora che, dopo il freddo inverno, state per affondare per la prima volta i vostri piedini nella sabbia.
1) Circondatevi di oggetti che provengono dalla spiaggia: anche alcune conchiglie o una coppia di stelle
marine dovrebbero funzionare.
2) Spruzzate sui polsi un profumo che richiama il mare o la sabbia. Il mio preferito di sempre è il Fire Island
di Bond N. 9. Se siete in bolletta, basta spalmarsi di olio di cocco o di una crema solare profumata.
3) Concedetevi un lungo bagno in acqua calda, dove avrete sciolto sali del Mar Morto o anche soltanto una manciata di alghe e sale iodato. Fa bene alla pelle, oltre a essere un vero toccasana per la mente.
4) Dedicatevi alla lettura di un romanzo che narra di dolce far niente e lunghe giornate a sollazzarsi al sole.
Il mio avviso è puntare sempre sui classici: Tenera è la notte di F. Scott Fitzgerald o Corpi al sole di
Agatha Christie sono perfetti per l’occasione.
Ricordate che l’estate (come un mucchio di altre cose) è uno stato mentale, quindi anche se siete rinchiusi
in uno squallido ufficio o non avete ancora fissato le vacanze sul calendario, dedicare un po’ di attenzione
a ciò che vi circonda, può cambiare completamente il vostro umore.
Come Tonya Leigh, la fondatrice del Movimento French Kiss Life, e mia guida nell’arte di godermi la vita, insegna: Cambiate ciò che è fuori di voi, per cambiare ciò che avete dentro.

20150418_162134

The beach at Metaponto on the Ionian Sea, shot on a recent trip to Southern Italy. La spiaggia di Metaponto sul mar Ionio, fotografata durante una recente gita nel Sud Italia.

20150418_162510

20150418_162523

20150418_163101

The world’s most expensive book

Posted on
20140129_152407

Clive Christian fragrances

20130805_110441

Monte Carlo

20130805_132816

The view from the Prince’s Palace – Veduta da Palazzo Grimaldi

20130805_112955

The Prince’s Palace of Monaco – Palazzo Grimaldi a Monaco

20130805_111621

The Casino of Monte Carlo

Last Summer I took a trip to Monte Carlo. You know…you’re there and suddenly you start breathing luxury wherever you go. Being prone to all the typical temptations, I was captivated by the window of a perfume shop where they showcased some of Clive Christian fragrances. Among them was the infamous No. 1, the world’s most expensive perfume.
This notoriety is a huge responsability, but Victoria, Clive’s daughter, has always sworn that no one planned to make No.1 so expensive. It was simply created without a budget, with quality in mind and with very rare ingredients. And voilà it happens that it costs more than a designer bag!
Talking about books, wouldn’t be nice if a writer could work without a budget, writing with quality in mindnand create such rare and appealing stories that voilà it happens that his/her novels are considered precious like jewels?
Unfortunately I don’t see anything like that nowdays. I usually see on sale average books with average prizes that are often bad copies of bestsellers, like Shopaholic series, Fifty shades trilogy, Vampires saga,and horrible novels made by authors who should have been following some writing classes before publishing. Maybe that’s why their books or ebooks cost less than a caffè and cappuccino, as we say in Italy. The question is why a professional accepts to be payed so little after months of writing. Is this the public confirmation that a bad writer can’t pretend more?
Nevertheless there was a time when books where considered precious: they had refined covers and exquisite pictures, were proudly exposed like objects of art in the houses and none dared to discuss their value.
My personal world’s most expensive book was for many years “An old fashioned girl”, a novel written in 1870 by Louisa May Alcott. When I was in my teens, I borrowed it from the school library. It wan an old illustrated hardcover edition and I was so impressed by it that I only reluctantly gave it back.
Then I started searching for a copy for myself, but it seemed impossible to find it until some years ago when I discovered it on a shelf of a bookstore. I was terribly disappointed: the story was the same but the paperback edition…my goodness, how sad!
Please, let me know now which is your world’s most expensive book.

La scorsa estate sono andata a Monte-Carlo. Sai come succede, ti ritrovi lì e all’improvviso cominci  a respirare il profumo del lusso ovunque ti giri. Poiché non sono  brava a resistere a qualsiasi tipo di tentazione, a un certo punto sono stata attratta dalla vetrina di una profumeria che esponeva le fragranze di Clive Christian, compreso il famigerato No. 1, il profumo più costoso del mondo. Un’etichetta che è tutto un programma, benché Victoria, la figlia di Clive, abbia sempre giurato e spergiurato che non è stata un’operazione commerciale fatta a tavolino. Semplicemente è stata creata un’essenza di qualità con tutti gli ingredienti più rari e preziosi in commercio e voilà è venuto fuori un profumo che costa più di una borsa griffata!
Parlando di libri, non sarebbe stupendo se uno scrittore potesse scrivere in santa pace una storia di qualità con gli ingredienti più originali e accattivanti e voilà venir fuori un libro considerato prezioso come un gioiello?
Peccato che sia un sogno alquanto difficile da realizzare. A me sembra che al giorno d’oggi siano messi in vendita soprattutto libri mediocri con prezzi abbordabili, spesso brutte copie di bestseller, tipo la serie di I love shopping, la trilogia delle Cinquanta sfumature, le saghe dei Vampiri, e romanzetti illeggibili, i cui autori avrebbero fatto meglio a seguire qualche corso di scrittura prima di darli alle stampe. Forse è questo il motivo per cui i libri o gli ebook di questi ultimi costano più o meno quanto un caffè con cappuccino.
Mi chiedo perchè un professionista accetta di essere pagato così poco, dopo mesi di duro lavoro alla scrivania. E’ forse un modo come un altro di ammettere pubblicamente il proprio scarso talento e di non poter pretendere di più?
Eppure c’era un tempo in cui i libri erano considerati beni di lusso: avevano copertine rifinite e illustrazioni di pregio, erano esposti con orgoglio nelle case come oggetti
d’arte e nessuno osava mettere in discussione il loro valore.
Il mio personale libro più costoso del mondo è stato a lungo “Una ragazza fuori moda”, scritto da Louisa May Alcott nel 1870. Lo presi in prestito dalla biblioteca della scuola quando avevo tredici anni. Era una vecchia edizione illustrata con la copertina rigida e mi piacque così tanto che non lo volevo quasi più restituire. Da allora ho sempre cercato una copia da comprare, ma sembrava impossibile finché qualche tempo fa ne ho notata una sullo scaffale di un negozio di libri. E’ stata una terribile delusione: la storia era sempre quella, ma l’edizione economica…santi numi, che tristezza!
Ora sono proprio curiosa di sapere qual è il vostro libro più costoso del mondo.